0100-4.jpg

Impianti Biogas e Biometano

  • Home
  • Impianti Biogas e Biometano
Impianti Biogas e Biometano

Eliopig propone le migliori soluzioni tecnologiche nel campo degli impianti biogas che sfruttano i reflui derivanti da allevamenti suinicoli, bovini e avicoli che, grazie a speciali tramogge, possono essere integrati con biomasse, scarti di frutta, verdura, e altri residui organici per produrre energia.

La portata degli impianti è variabile a seconda delle esigenze del cliente e la potenza elettrica installata può variare tra i 100 kWe e i 1000 kWe ed oltre.

Cos'è il BIOGAS?

Il BIOGAS è una delle fonti alternative più utilizzate per la produzione di energia. È una miscela gassosa che si ottiene dalla digestione anaerobica e dalla decomposizione di qualsiasi materiale organico, animale e vegetale, come ad esempio i reflui zootecnici e suoi sottoprodotti, opportunamente miscelati e mantenuti in assenza di ossigeno alla temperatura mesofila di 38-42°C.

Cos'è il BIOMETANO?

Il BIOMETANO è gas metano naturale e rinnovabile, derivato dal processo di raffinazione e purificazione del biogas. Si ottiene da fonti rinnovabili aventi caratteristiche e condizioni di utilizzo corrispondenti a quelle del gas metano ed è idoneo all’immissione nella rete del gas naturale. Il biometano, quindi, nasce dalla valorizzazione delle risorse locali, con caratteristiche del tutto analoghe a quello di derivazione fossile che. ad esempio, viene utilizzato per il riscaldamento, la cucina e l’autotrazione, per questo può contribuire alla riduzione di emissioni di gas serra. Si tratta di un’opportunità di sviluppo per tutti i produttori di biogas, con un alto grado di efficienza.

Come funziona un IMPIANTO BIOGAS?

I reflui derivanti da allevamenti suinicoli, bovini e avicoli, ad esempio letame, liquame e pollina, vengono convogliati all’interno di un apposito contenitore, il fermentatore. Successivamente, grazie all’uso di speciali tramogge, avviene l’eventuale integrazione di biomasse come: scarti dell'industria agroalimentare, vegetali e sottoprodotti agricoli, come ad esempio silo mais, frumento, sorgo e granella.

La sostanza organica viene quindi immessa nell’impianto in assenza di ossigeno e a temperatura controllata, in modo tale che i 4 ceppi batterici simbiotici riescano a degradare le lunghe catene organiche fino alla produzione di composti semplici come il metano.
Questa biodegradazione della massa organica è un processo comunemente denominato digestione anaerobica.

Questo composto può essere utilizzato per la produzione di energia elettrica e termica tramite cogenerazione, oppure può esser purificato, fino ad ottenere una composizione del tutto simile al gas naturale di origine fossile. Esso può essere immesso in rete o utilizzato per autotrazione sfruttando le possibilità offerte dal BIOMETANO. All’interno del fermentatore, in assenza di ossigeno e a temperatura controllata, un grande numero di batteri degrada la sostanza organica. Il risultato di questa degradazione è triplice: biogas, calore e digestato (fertilizzante liquido naturale).

Il BIOGAS – viene convertito in energia elettrica grazie a un cogeneratore e poi ceduto alla rete nazionale. Una parte è convertita in ulteriore calore; Il CALORE, – oltre che per il processo di fermentazione stesso, è utilizzato per il riscaldamento di alcuni locali dell’azienda, come stalle e uffici o per processi industriali;

Il DIGESTATO – è utilizzato come fertilizzante naturale nelle coltivazioni aziendali con una qualità notevolmente superiore al letame.

I Componenti

I nostri impianti sono costituiti da:

01 / 10

Moduli di carico

Moduli di carico delle biomasse solide con celle di pesatura e sistema di introduzione delle biomasse nel digestore attraverso un sistema di coclee; i moduli di carico sono disponibili con portate da 20, 40, 60, 80 Ton.

02 / 10

Miscelatori

Miscelatori in acciaio inossidabile con inclinazione di 120° con applicazione dell’elica regolabile in funzione della percentuale di sostanza secca del digestato.

03 / 10

Digestore

Digestore con gasometro pressostatico con sistema a doppia membrana.

04 / 10

Impianto di raccolta

Impianto di raccolta e distribuzione del biogas

05 / 10

Trattamento del gas e strumentazione di processo

Trattamento del gas e strumentazione di processo.

06 / 10

Automazione

Impianto elettrico a media e bassa tensione

07 / 10

Impianto idraulico

Impianto idraulico.

08 / 10

Gruppo di cogenerazione

Gruppo di cogenerazione.

09 / 10

Sistema di Upgrading

Sistema di Upgrading.

10 / 10

Trattamento dell’H2S (solfuro di idrogeno) contenuto nel gas in modo biologico e chimico.

Trattamento dell’H2S (solfuro di idrogeno) contenuto nel gas in modo biologico e chimico.

Come si utilizza il Biogas?

Il biogas possiede un alto potere calorifico e può essere convertito in elettricità e calore, infatti, questa miscela gassosa contiene un 50-70% di metano, e la restante parte, contiene anidride carbonica ed altri componenti.Dopo essere stata deumidificata e trattata, la miscela gassosa viene utilizzata per alimentare motori endotermici che producono energia elettrica ed energia termica.

Anche l’ONU ha evidenziato l’effetto positivo del biogas sulla riduzione dell’attuale stato di inquinamento dell’aria e quindi dell’effetto serra, in quanto riduce le emissioni di metano nell’atmosfera e permette la produzione di energia pulita e rinnovabile, creando un sistema più sostenibile e compatibile con un modello di green economy.

Soluzioni di impiego

Eliopig è in grado di dissociare, a partire dal biogas, il metano dagli altri gas presenti, in particolare l’anidride carbonica (CO2) tramite un processo di upgrading. Dalla separazione di questi elementi gassosi derivano diverse soluzioni di impiego:

  • Metano (CH4) - Viene immesso nella rete esistente del gas naturale, oppure viene impiegato come biocarburante per veicoli e viene messo a disposizione tramite stazioni di rifornimento;
  • Anidride carbonica (CO2) - Viene utilizzata nell'industria alimentare oppure per la concimazione carbonica in serra in quanto aumentando la concentrazione di anidride carbonica, si ottimizza il rendimento della fotosintesi.
Impianti alimentati a FORSU

Negli ultimi anni in Italia e nel mondo la raccolta differenziata dei rifiuti ha subito una crescita esponenziale e di conseguenza anche la valorizzazione della frazione organica del rifiuto solido urbano (FORSU).

Eliopig offre impianti biogas e biometano completamente alimentati a FORSU, utilizzando la migliore tecnologia possibile, in particolare per le due sezioni che contraddistinguono gli impianti a FORSU rispetto a quelli alimentati da reflui e sottoprodotti, ovvero:

  • - La sezione di pretrattamento del rifiuto, in cui quest'ultimo viene privato dalle impurità e triturato per essere successivamente inviato a digestione anaerobica;
  • - La sezione a valle dell'impianto biogas-biometano dove avviene la trasformazione di digestato in ammendante tramite un impianto di compostaggio.
Impianti alimentati a pollina

La pollina, ovvero la deiezione prodotta dagli allevamenti di galline ovaiole, polli da ingrasso e tacchini, è da tempo oggetto di discussioni in merito al suo utilizzo per l'alimentazione degli impianti di biogas

L’interesse suscitato è dato sia dall’elevato potere metanigeno di questa deiezione che dalle grandi quantità che vengono prodotte dai nostri allevamenti.

A causa però del suo elevato tenore di azoto ed il conseguente potere inibente al processo anaerobico, fino ad ora l’applicazione della pollina negli impianti biogas è stata limitata raggiungendo al massimo valori del 20-25% della ricetta di alimentazione dei fermentatori.

Eliopig, grazie all’esperienza maturata nell’utilizzo dei reflui zootecnici all’interno dei propri impianti biogas, ha sviluppato un sistema meccanico di trattamento della pollina prima di introdurla nella fermentazione e un sistema di monitoraggio e gestione biologica del processo che consentono di alimentare l’impianto biogas fino al 50% con pollina.

1 – Capannone gestione pollina;
2 – Trattamento pollina;
3 – Impianto di digestione anaerobica;
4 – Sistema di upgrading;
5 – Impianto nitro-denitro;
6 – Torcia di emergenza;
7 – Stoccaggio separato solido;
8 – Stoccaggio digestato chiarificato abbattuto dall’azoto.

. Impianti Biogas e Biometano

Clicca l'immagine e scorri la gallery

    Per maggiori informazioni contattaci!

    Google Maps


      Per maggiori informazioni contattaci!

      Google Maps